Utilizzando il nostro sito web acconsentite alla memorizzazione dei cookies sul vostro dispositivo e all'utilizzo di Google Analytics, al fine di ottimizzare il servizio offerto. Per ulteriori informazioni cliccarequi.
Austria.
Economia dinamica.

E-Sport e scommesse in Austria

L'Austria come Business Location per gli sport elettronici

1. Panoramica del settore in Austria

Il fenomeno degli eSport ha raggiunto in Austria una grande popolarità, dovuta non solo alla mancanza di eventi sportivi "tradizionali" a causa dell'emergenza Coronavirus, ma era già stata rilevata a novembre 2019 alla finale dei Mondiali di League of Legend a Parigi, con la pre-senza di ben 44 Milioni di spettatori.

Secondo uno studio svolto dall'Associazione austriaca per il software di intrattenimento, 4,9 milioni di austriaci consumano videogiochi e uno su sette segue regolarmente tornei di eSport tramite servizi di streaming o media classici. Le società sportive tradizionali come l'FC Schalke 04, il Paris St. Germain o l´ FC Red Bull Salzburg, negli ultimi anni, hanno inserito nella loro organizzazione un'ulteriore sezione in-teramente dedicata agli eSport. Tali fatti e cifre illustrano molto bene quanto sia grande, anche in Au-stria il potenziale di tale settore.

Molte aziende hanno altresì riconosciuto questa tendenza e stanno investendo in Austria, soprattutto in tornei, campionati e sportivi elettronici (atleti, giocatori, sviluppatori, allenatori). A tal proposito vanno citati la A1 eSports League di A1 Telekom Austria, la Red Bull Planet One, l'eBundesliga, organiz-zata dalla federazione calcistica austriaca, la Game City del municipio di Vienna, o il Viennality, un tor-neo di Fighting Games, il quale ospita a Vienna giocatori provenienti da tutto il mondo. I premi in de-naro e il numero di partecipanti e spettatori in Austria aumenta sempre di più. La terza e la quarta Sta-gione della A1 eSports League, ad esempio, promettono un montepremi cumulativo di circa 70.000 eu-ro. Anche la Red Bull, che sponsorizza il settore degli sport d'azione, investe in modo cospicuo negli eventi e negli atleti austriaci di eSport. L'evento Red Bull Planet one è ora una componente fissa degli eventi eSport in Austria. Inoltre, atleti austriaci di eSport, famosi a livello internazionale, come il cam-pione del mondo della Fortnite David "Aqua" Wang o il professionista della "Rocket League" Maurice "Yueko" Weihs - contribuiscono ad accrescere la popolarità degli eSport.
Anche il settore dell'istruzione sta reagendo a questa crescente popolarità. A partire dal semestre in-vernale 2020/21, l'Università privata di management applicato, (Hochschule für angewandtes Mana-gement) avvierà un corso di laurea in Esports Management presso il campus di Vienna. Grazie alla spe-cializzazione in sport, giochi e intrattenimento, in collaborazione con i maggiori esperti, sostenitori dell'eSport in Austria e l'Associazione eSport Austria (ESVÖ), questo tema sta diventando sempre più rilevante anche a livello universitario.

In seguito alla pandemia di Covid-19 e al conseguente lockdown imposto la scorsa primavera, gli ope-ratori di scommesse tradizionali a causa della mancanza di eventi sportivi, si sono trovati di fronte a una grave crisi. I tornei di eSport hanno pertanto rappresentato una sorta di entrata integrativa, gene-rando reddito anche in tempi di distanza fisica. Il Dr. Arthur Stadler, esperto di scommesse ed eSport di Vienna e socio dello studio legale STADLER VÖLKEL Rechtsanwälte, commenta: "Lo sport elettronico soddisfa tutti i requisiti che lo rendono interessante per gli appassionati di videogiochi e scommettitori. Proprio come nello sport tradizionale, ci sono favoriti e outsider, dove la prestazione giornaliera e una certa dose di fortuna costituiscono spesso i fattori decisivi."

I principali operatori austriaci di scommesse come Cashpoint, Interwetten, bet-at-home, Tipico, bwin ecc. offrono scommesse su tornei di eSport già da diversi anni. Nelle settimane del lockdown, durante le quali la Premier League inglese è stata sospesa, gli operatori hanno registrato un incremento del 50% sulle nuove iscrizioni. Se si confrontano i dieci miliardi di fatturato della NFL, la lega professioni-stica nordamericana di football, con i cinquanta miliardi di entrate generate dagli operatori di scom-messe relative a questo campionato, ci si può aspettare un simile sviluppo per il mercato delle scom-messe sportive elettroniche. Questa prospettiva favorevole è supportata dalle dichiarazioni di vari operatori di scommesse, secondo i quali, il volume delle scommesse negli sport elettronici ha già nel 2010, superato gli sport tradizionali come il golf o il tennis.

L'ascesa trionfale dell'industria degli sport elettronici e la relativa professionalizzazione porta a que-stioni legali con cui sempre più avvocati sono tenuti a confrontarsi. L'avvocato Dr. Arthur Stadler spie-ga: "In Austria questa attività, contrariamente a quanto tende a suggerire il nome, non è (ancora), rico-nosciuta come sport. Se ad esempio, vengono offerte scommesse sull'esito di un evento sportivo elet-tronico, non essendo uno sport dal punto di vista legale, le stesse scommesse non possono rientrare nel-la categoria di scommesse sportive, le quali in Austria sarebbero in linea di massima idonee per la licen-za senza particolari restrizioni quantitative. Tuttavia non potendo rientrare nella categoria delle licenze sportive, le scommesse su eventi sportivi elettronici in Austria vengono pertanto sempre più spesso qua-lificate come scommesse aziendali. In alcune regioni, gli operatori possono presentare una domanda di licenza. Non c'è alcuna limitazione quantitativa che si applichi a questa variante normativa, il che risulta indubbiamente interessante" afferma l'avvocato Dr. Arthur Stadtler. Il quadro giuridico esistente in Au-stria crea un enorme potenziale per questo settore."


2. E-Sport alla luce del diritto austriaco

Per coloro che vogliono dedicarsi agli eSport, la scelta della forma giuridica è di fondamentale impor-tanza e in questo caso gioca un ruolo essenziale. Ai sensi della legge Vereinsgesetz 2002, le associa-zioni senza scopo di lucro, godono di vantaggi fiscali. La promozione delle attività fisiche è di per sé un'attività priva di scopo di lucro. Un'associazione perde questo privilegio fiscale solo se si qualifica come attività agonistica nelle discipline che pratica e genera un certo reddito dalla sua attività.
Tuttavia, gli sport elettronici non sono (ancora) ufficialmente riconosciuti come sport in Austria, anche se si stanno compiendo grandi sforzi per ottenere il riconoscimento o almeno l'equipollenza. Ci sono molti buoni argomenti a favore della qualificazione come sport, come sostiene l'avvocato ed ex e-sportivo Urim Bajrami: "L'eSport richiede non solo capacità mentali ma anche motorie da parte degli sportivi professionisti, come la velocità di reazione, una buona coordinazione occhio-mano e una forte resistenza. I giocatori infatti, eseguono durante una partita, fino a 400 azioni al minuto. In Austria, tut-tavia, siamo ancora in una zona grigia per quanto riguarda la qualificazione giuridica degli sport elet-tronici. Una soluzione potrebbe essere la creazione di gruppi di lavoro sugli eSport, come pianificato dal governo verde-turchese, il cui scopo è quello di chiarirne il quadro giuridico per quanto riguarda lo status di non profit e sport. In qualità di funzionario dell'associazione eSport Austria sono in un vivace scambio con i partiti e le persone responsabili, per cui lavoriamo costantemente al miglioramento e a riconosci-mento legale degli sport elettronici.

3. Prospettive

Con il passare del tempo sembra che stiano avvenendo cambiamenti paradigmatici nel modo in cui viene percepito e consumato lo sport. L'Austria ha adottato un atteggiamento estremamente positivo facendo grandi passi in avanti nei confronti degli eSport ed è in costante collaborazione con i rappre-sentanti della relativa scena per migliorare le condizioni effettive e il quadro giuridico al fine di rende-re la Business Location Austria il polo degli eSport nel cuore dell'Europa. Nonostante non sia sicuro che la crescita del numero degli utenti, dovuta alla crisi corona, si mantenga anche a lungo termine, la tendenza verso gli eventi digitali non subirà certo un arresto.

Per saperne di più sugli sviluppi digitali leggete il nostro contributo al blog: Intelligenza artificiale: come l'Austria definisce il proprio futuro sulla base dell'AI (in inglese)

 

Dr. Arthur Stadler & Mag. Urim Bajrami, Stadler & Völkel Rechtsanwälte - Attorneys at Law


+43 (1) 997 10 25
office@svlaw.at

Share on Facebook Share on Facebook Share on Twitter Share on Twitter Share on Linkedin Share on Linkedin

Testimonial

Eventi

Venite a trovarci ad eventi, seminari e fiere in tutto il mondo.

Austria Map

Find the perfect location for your company

L’Austria vanta un sistema Paese in grado di sostenere in modo efficace la competitività dell’industria manufatturiera, grazie ad infrastrutture evolute, al sistema burocratico snello ed alla forte propensione a supportare lo sviluppo. Offre centri di formazione particolarmente attenti alle esigenze del territorio, che formano personale altamente qualificata e strumenti finanziari moderni che favoriscono le esportazioni

Salvagnini

Logo Salvagnini
Tutti i testimonial

Novità dall'Austria

150 milioni di Euro per salvare le start-up

Margarete Schramböck, la ministra austriaca dell'economia e Leonore Gewessler, la ministra per la protezione del clima e l'innovazione, hanno presentato giovedì mattina, un pacchetto di aiuti volto a sostenere le start-up durante la crisi Corona.

5 motivi per aprire una Startup in Austria

Nel 2019 sono state costituite in Austria quasi 40.000 nuove aziende: di queste, più di 9.000, quindi quasi un quarto, a Vienna, posizionandosi in testa alle altre regioni. Fino a 20 anni fa il numero delle aziende neocostituite era inferiore a 20.000 (secondo i dati della camera di commerico austriaca). È palese che l’Austria attragga sempre più aziende, ma quali sono i motivi per i quali le aziende e le startup scelgono l’Austria come Business Location?

Tutte le news tutti i post del blog