Utilizzando il nostro sito web acconsentite alla memorizzazione dei cookies sul vostro dispositivo e all'utilizzo di Google Analytics, al fine di ottimizzare il servizio offerto. Per ulteriori informazioni cliccarequi.
Austria.
Dove i profitti crescono alle stelle.

Storia di successo di una start-up viennese: Artivive

La realtà aumentata scuote la scena artistica

Vienna vanta così tanti musei e istituzioni culturali di fama mondiale che, per quanto riguarda l'arte, vi è soltanto l'imbarazzo della scelta. Tuttavia, l'esperienza legata alla visita di un museo non è praticamente mai cambiata dalla nascita dei musei stessi, e questo non solo qui in Austria, ma in tutto il mondo.
Siamo abituati a una narrazione moderna, dal ritmo incalzante, e ci sembra inconcepibile doverci accontentare delle audioguide, quando possiamo interagire con tutta la conoscenza umana, tramite i nostri smartphone. Ed è proprio qui che entriamo in gioco noi. Quando abbiamo fondato Artivive nel 2017, avevamo un obiettivo molto chiaro: utilizzare la tecnologia moderna per riportare in vita il tradizionale mondo dell'arte, creando una connessione tra il nuovo e il vecchio.
Già quando Artivive era ancora agli albori, prima ancora di lavorare con i musei, sapevamo di essere sulla strada giusta. All'Albertina era in corso una mostra intitolata "Film Stills", nella quale intravedevamo l'occasione perfetta per presentare il nostro prodotto. Ci siamo messi direttamente in contatto con la direzione del museo, ma la nostra iniziativa non ha dato alcun risultato. Così siamo andati alla mostra come semplici visitatori, dove abbiamo fotografato tutte le immagini esposte, scattando ben 140 foto, per essere più precisi.

A volte le strategie di attacco sono l'unica strada possibile da percorrere
Scegliere le scene dei film appropriate, tagliare i video in 10-15 secondi e sovrapporli alle immagini chiave che avevamo fotografato, è stato un lavoro a dir poco certosino. Ma noi eravamo determinati a trasformare la nostra visione in realtà. Una volta raccolti tutti i filmati, abbiamo caricato sia i video che le immagini nel nostro sistema di gestione dei contenuti e li abbiamo uniti. Poi è arrivato il momento di testare il risultato con la nostra app Artivive: abbiamo scansionato la prima immagine con il fiato sospeso e stringendo silenziosamente i nostri telefoni. Dopotutto, in palio c'era "solo" il nostro grande sogno. Quando abbiamo puntato il telefono sulla prima immagine, il dispositivo si è attivato e ha iniziato a riprodurre la scena del film. Il sospiro di sollievo collettivo si sarà sicuramente sentito a chilometri di distanza. Aveva funzionato proprio come l'avevamo immaginato!

Puntando sempre in alto
Il giorno successivo, siamo tornati alla mostra per controllare che anche al museo la tecnologia funzionasse correttamente, senza intoppi. L'esperienza all'interno di una mostra è stata ancora più sorprendente di quanto ci fossimo mai immaginati.
L'app ha dato vita alle foto e ci ha portato direttamente all'interno del film da cui sono state scattate le istantanee. Abbiamo documentato l'intero processo e realizzato un video per mostrare la nostra fortunata esperienza. Successivamente l'abbiamo inviato al team dell'Albertina e questa volta siamo finalmente riusciti ad attirare la loro attenzione. Abbiamo fissato un primo incontro, parlato in dettaglio del prodotto e percorso la mostra con i responsabili, per far loro vedere come funzionava l'app.
L'affare si è concluso positivamente e l'Albertina è stata il nostro primo cliente ufficiale. Perché la nostra piattaforma offre a musei e gallerie un'infrastruttura affidabile, veloce e modulabile, nonché un'esperienza completa che aumenta la durata della permanenza dei visitatori e rafforza la connessione emotiva con l'arte.

L'effetto valanga ha inizio
All'epoca, abbiamo ricevuto molta attenzione da parte della stampa e ottenuto per la prima volta un riscontro internazionale. La nostra collaborazione con l'Albertina è iniziata nel novembre del 2017, sulla scia della mostra Batliner, che è ancora in corso. E secondo Albrecht Schröder, il direttore dell'Albertina, "Artivive sostituirà l'audioguida". Per noi, questo è stato un evento potente, perché ha rappresentato la nostra prima grande svolta, dove ci siamo resi conto che anche altri stavano iniziando a credere nella nostra idea.
Una volta in tasca il contratto con l'Albertina, approcciare altri musei diventava molto più semplice. Dalle nostre umili origini, la nostra piccola start-up si era trasformata in un'azienda di successo, di cui siamo davvero orgogliosi. Nel frattempo, abbiamo avuto l'opportunità di lavorare qui a Vienna con musei come l'Albertina, il Belvedere e il MAK. A livello internazionale, possiamo segnalare collaborazioni con istituzioni come lo Shanghai Himalayas Museum, lo Ying Art Center di Shanghai, il MIT – Massachusetts Institute of Technology, l'Ilmin Museum of Art di Seoul e la Leica Galerie di Singapore.


Che cosa ha in serbo per noi il futuro
È per noi un grande piacere lavorare con queste istituzioni per dare vita sia a singole opere d'arte che a intere mostre. Questi casi dimostrano che la nostra idea possiede il potenziale per ottimizzare le esperienze associate alle visite ai musei di tutto il mondo. Tuttavia, non collaboriamo solo con i grandi colossi del settore. Alcuni dei nostri lavori più entusiasmanti vengono creati nello spazio artistico interno della nostra azienda e attraverso la collaborazione con altre piccole gallerie di quartiere.

Oggi, Artivive è la piattaforma leader per l'arte in realtà aumentata, che permette agli artisti di raggiungere nuove dimensioni della creazione artistica, collegando l'arte classica e digitale. La nostra visione è ancora quella di cambiare il modo in cui si consuma l'arte e di costruire una comunità intorno all'arte in realtà aumentata. Vogliamo democratizzare la tecnologia che c'è dietro e permettere a chiunque, indipendentemente dalle capacità, di creare opera d'arte in realtà aumentata. La realtà aumentata (AR) è un nuovo mezzo entusiasmante che dà la possibilità ai creativi e agli artisti di portare i loro progetti a un nuovo livello. Finora, tuttavia, abbiamo solo toccato la punta dell'iceberg di tutto ciò che l'AR è capace di fare.

Per ulteriori informazioni su: essere imprenditori in Austria

Artivive GmbH

#bringArtToLife
Tel.: +43 (1) 23 61 68 2
hello@artivive.com

Share on Facebook Share on Facebook Share on Twitter Share on Twitter Share on Linkedin Share on Linkedin

Testimonial

Eventi

Venite a trovarci ad eventi, seminari e fiere in tutto il mondo.

Austria Map

Find the perfect location for your company

Un vantaggio molto importante nel momento in cui si decide di operare nei mercati in via di espansione è rappresentato dalla "vicinanza" psicologica" dell'Austria nei confronti dei paesi confinanti.

Ericsson Austria

Logo
Tutti i testimonial

Novità dall'Austria

Premio d’investimento COVID-19 per le imprese

Fin dall'inizio della pandemia Coronavirus, in Austria sono stati emanati provvedimenti di aiuto a favore delle aziende in difficoltà e dei tanti lavoratori autonomi o dipendenti che si erano trovati all'improvviso privi di reddito o in difficoltà. Recentemente, il governo austriaco ha presentato un ampio pacchetto di progetti di legge per promuovere l'economia dopo la crisi della COVID 19. Particolarmente degno di nota di nota è il premio d’investimento COVID-19 per le imprese: Per rafforzare la piazza economica austriaca, il governo federale ha deciso infatti un nuovo programma di promozione agli investimenti delle imprese per un valore complessivo di 3 miliardi di euro. Se necessario, questi fondi saranno ulteriormente ampliati.

Storia di successo di una start-up viennese: Artivive

La realtà aumentata unisce il mondo reale a quello digitale, rendendo possibile la rappresentazione visiva di una nuova dimensione della realtà. Artivive, a sua volta, è la principale piattaforma artistica di realtà aumentata. Che questa start-up art-tech abbia sede a Vienna è più che plausibile, data la ricca e diversificata storia culturale della città.

Tutte le news tutti i post del blog