L’industria meccanica in Austria

In Austria l’industria meccanica occupa 79.000 lavoratori con un fatturato pari a 21,5 miliardi di euro ed un contributo del 14 percento alla creazione del valore industriale, valore ben oltre la media UE. Il ramo dedicato agli interventi di riparazione e manutenzione di macchinari vanta altri 14.000 posti di lavoro. Datore di lavoro stabile e remunerativo, l’industria meccanica vanta una struttura produttiva eterogenea, alcuni leader sul mercato mondiale ed un’elevata forza innovativa, oltre ad essere uno dei settori industriali più produttivi e in costante crescita. Grazie ad un assortimento di prodotti d’alta qualità, l’industria meccanica austriaca è in grado di staccarsi dalla concorrenza con prezzi vantaggiosi nonché di compensare su larga scala le perdite di quote di mercato nella fascia dei prodotti standard. Uno degli indicatori di successo è l’eccedenza di esportazione in crescita pressoché costante sin dagli inizi degli anni ‘90 del secolo scorso, pari da ultimo a 4,5 miliardi di euro.

Qualità pregiata per prodotti di nicchia

I costruttori di macchinari producono beni d’investimento per quasi tutti i settori dell’industria e del commercio. La gamma di prodotti si estende dalle pompe alle macchine edili, agricole e agli ascensori, fino alla realizzazione di impianti industriali completi. In parallelo cresce anche la loro offerta di servizi, dall’assistenza standard al funzionamento continuativo degli impianti. L’offerta è completata da qualche bene di consumo, come ad es. i forni e le bilance pesapersone. L’industria meccanica austriaca non presenta ambiti produttivi prevalenti; il fatturato del settore è ripartito fra diversi rami singoli. Tuttavia, appartengono al settore alcune imprese che nel loro segmento occupano una posizione di spicco sul mercato mondiale. Fra le prime 10 vi sono ad esempio Andritz che fabbrica macchinari per la cellulosa e la carta, il gruppo Engel con i suoi macchinari per lo stampaggio ad iniezione della plastica oppure il noto costruttore di funivie Doppelmayr. Al di fuori delle prime 10, l’elenco continua con svariate piccole imprese.