Utilizzando il nostro sito web acconsentite alla memorizzazione dei cookies sul vostro dispositivo e all'utilizzo di Google Analytics, al fine di ottimizzare il servizio offerto. Per ulteriori informazioni cliccarequi.
Austria.
Dove i profitti crescono alle stelle.

Vivere e lavorare in Austria

Soggiorno di cittadini UE/SEE e della Svizzera

Per soggiornare in Austria, i cittadini UE/SEE e della Svizzera non necessitano di alcun permesso di soggiorno. Sono esonerati dall’obbligo del visto e hanno diritto di soggiornare in Austria per un periodo di tre mesi. Per soggiorni più lunghi di tre mesi è sufficiente fare richiesta di uno speciale permesso chiamato Anmeldebescheinigung.

Bisogna fare attenzione che per quanto concerne la libera circolazione dei lavoratori e la prestazione di servizi transfrontalieri sussistono disposizioni e termini transitori con la Romania e la Bulgaria. Nel singolo caso, per tanto, è necessaria una verifica (legale) in tal senso.

Dopo un soggiorno regolare e ininterrotto di cinque anni nel territorio federale, i cittadini UE/SEE e svizzeri che facciano richiesta del relativo documento (Bescheinigung des Daueraufenthalts) ottengono il diritto di soggiorno permanente.


La legge prevede delle deroghe anche per:

  • l’attività scientifica nel settore dell’istruzione e della ricerca (ad es. presso università e anche aziende private)

  • i coniugi e i figli di questa tipologia di ricercatori e scienziati

  • le attività di rappresentanza diplomatica o presso organizzazioni internazionali (ad es. l’ONU).

Soggiorno di cittadini extra UE

I cittadini extra UE (ovvero cittadini di Paesi che non appartengono né all’Unione europea - UE - né allo Spazio Economico Europeo - SEE) che vogliono soggiornare in Austria per più di sei mesi nell’arco di un anno necessitano di un titolo di soggiorno (Carta Rossa-Bianca-Rossa, Carta Rossa-Bianca-Rossa Plus, permesso di soggiorno o “titolo di soggiorno in quanto familiari”).

Rilascio di un titolo di soggiorno - Prima richiesta

Le richieste per il rilascio di un primo permesso di soggiorno (Erstaufenthaltstitel) vanno solitamente presentate di persona prima di venire in Austria presso le autorità di rappresentanza austriache (ambasciata, consolato) nel Paese di provenienza.

Carta Rossa-Bianca-Rossa: l’immigrazione qualificata apre nuove possibilità

Con la Carta Rossa-Bianca-Rossa (Carta RBR), l’Austria ha introdotto un sistema di controllo dell’immigrazione trasparente e flessibile. L’obiettivo è consentire alle forza lavoro qualificate provenienti dai Paesi terzi e alle loro famiglie un’immigrazione in Austria di lungo periodo e gestita secondo criteri personali e di politica del mercato del lavoro (www.workinaustria.com).

Le nuove disposizioni sono entrate in vigore il 1° luglio 2011 e sono rivolte esclusivamente a cittadini non UE. La Carta RBR va a sostituire così il precedente sistema a quote con un modello immigratorio regolamentato in base ai criteri sopra esposti.

Occupazione di cittadini UE/SEE

I cittadini UE/SEE godono del libero accesso al mercato del lavoro austriaco e possono circolare liberamente nell’ambito della libera circolazione dei lavoratori e della libertà di stabilimento e, quindi, svolgere un’attività lavorativa dipendente o autonoma a condizione che dispongano di un valido documento d’identità.

Download: Diritto del lavoro per investitori e imprenditori internazionali

La presente pubblicazione è pensata come strumento per facilitare l'approccio con il mercato austriaco. Infatti, già alcune semplici precauzioni ed informazioni preven­tive possono ridurre le problematiche con le quali sono confron­tati gli imprenditori italiani che decidono di stabilire un centro di attività in Austria ed assumere personale del luogo.

Share on Facebook Share on Facebook Share on Twitter Share on Twitter Share on Linkedin Share on Linkedin

Testimonial

Eventi

Venite a trovarci ad eventi, seminari e fiere in tutto il mondo.

Austria Map

Find the perfect location for your company

L'Austria offre le comodità e le infrastrutture delle nazioni industriali occidentali. L'elevata qualità della vita è un vantaggio se si devono trasferire forze de lavoro altamente qualificate da ogni parte del mondo per portarli in una zona strategica.

Coca-Cola Austria

Logo
Tutti i testimonial

Novità dall'Austria

Premio d’investimento COVID-19 per le imprese

Fin dall'inizio della pandemia Coronavirus, in Austria sono stati emanati provvedimenti di aiuto a favore delle aziende in difficoltà e dei tanti lavoratori autonomi o dipendenti che si erano trovati all'improvviso privi di reddito o in difficoltà. Recentemente, il governo austriaco ha presentato un ampio pacchetto di progetti di legge per promuovere l'economia dopo la crisi della COVID 19. Particolarmente degno di nota di nota è il premio d’investimento COVID-19 per le imprese: Per rafforzare la piazza economica austriaca, il governo federale ha deciso infatti un nuovo programma di promozione agli investimenti delle imprese per un valore complessivo di 3 miliardi di euro. Se necessario, questi fondi saranno ulteriormente ampliati.

Ecco come l'automazione sta cambiando la gestione delle spese

Da qualche anno, quando ci si riferisce al futuro si utilizza la sigla 4.0. Il numero indica le fasi della storia economica: la più importante cesura nel processo di evoluzione economica fu la prima rivoluzione industriale, avvenuta verso la fine del XVIII secolo, dove la meccanizzazione rese possibile una massiccia espansione della produzione. Con l'avvento della seconda rivoluzione industriale, fu usata l'elettricità per aumentare la produzione. A dare vita a una terza rivoluzione industriale fu l’invenzione del computer a metà del XX secolo. E ora sta prendendo piede la quarta ondata.

Tutte le news tutti i post del blog