Ai contenuti

Doing Business Aspetti fiscali

La tassazione in Austria

La tassazione in Austria è di importanza cruciale e ha un impatto significativo sul panorama economico e sociale del Paese. Tuttavia, l'Austria è caratterizzata da un sistema fiscale che non è considerato come un paese a bassa tassazione secondo gli standard internazionali.

Ciononostante, offre ai cittadini e alle imprese un notevole valore aggiunto grazie a un'ampia gamma di servizi pubblici di alta qualità, come la sanità, l'istruzione, la sicurezza sociale e un'infrastruttura ben sviluppata.

Questi investimenti nella società e nell'economia del Paese assicurano un'elevata qualità della vita, la sicurezza del posto di lavoro e un'economia complessivamente forte, il che significa che gli oneri fiscali più elevati sono spesso considerati giustificati in quanto contribuiscono al clima economico favorevole. Nel complesso, sono essenziali per soddisfare le esigenze della popolazione e garantire il buon funzionamento dello Stato. Qui di seguito analizziamo più da vicino il tema della tassazione in Austria, le agevolazioni fiscali e la riforma fiscale.

Vantaggi fiscali
per le società internazionali

L'Austria offre alla vostra azienda una serie di vantaggi fiscali, come l'imposta sulle società.L'imposta sulle società è stata ridotta al 23% all'inizio del 2024. Non ci sono altre imposte sugli utili delle società

L’Austria detiene un primato d’eccellenza in termini di vicinanza alle imprese. Nell’UE-15, solo pochi Paesi offrono condizioni più vantaggiose: con un carico fiscale complessivo pari al 22,5 %, secondo il BAK Taxation Index 2022, l’Austria offre una pressione fiscale più leggera per le imprese rispetto a Francia (27,1 %), Germania (29,3 %) e Stati Uniti (33,4 %).

Inoltre, il governo austriaco ha approvato un'importante riforma fiscale eco-sociale nel gennaio 2022, che porterà sgravi fiscali tangibili per le aziende e i loro dipendenti. Ciò significa che la tassazione in Austria sarà ulteriormente ridotta per gli imprenditori. Ciò rende l'Austria una sede ancora più attraente per le aziende internazionali.

La riforma fiscale eco-sociale:
Notevoli sgravi per le imprese

La riforma fiscale eco-sociale riduce il rapporto tra imposte e contributi al 40% e rafforza la competitività dell’economia austriaca. Ciò significa un notevole sgravio fiscale per aziende e dipendenti. 

  • L'imposta sulle società è al 23% solo dall'inizio del 2024.
  • Aumento della soglia per i beni di modico valore da 800 a 1.000 euro
  • Indennità di agevolazione degli investimenti del 10% o 15% (per investimenti ecologici) con tetto massimo della base imponibile (costi di acquisizione e di produzione) di 1 milione di euro l’anno per impresa
  • Estensione delle agevolazioni fiscali esistenti per l’autoproduzione di elettricità a tutte le fonti energetiche rinnovabili
  • A partire dal 1° luglio 2022, vengono meno le imposte sull’elettricità autoprodotta e consumata, purché provenga da fonte rinnovabile
  • Pour les travailleurs, la 3e tranche du barème a été abaissée de 42% à 40% en juillet 2023. Cela représente un allègement de 3,9 milliards d'euros.

 

Lo Sapevate che…

In questo modo, eventuali crediti IVA possono essere rapidamente compensati con altre imposte e liquidati direttamente.

…potete gestire online tutte le comunicazioni con l’Ufficio delle imposte.


Aliquote e imposte in Austria

Ma quali sono le imposte in Austria di cui devo tenere conto come imprenditore?

Imposta comunale

L'imposta comunale è un'imposta comunale esclusiva.

Essa ammonta al tre per cento del salario mensile lordo dei dipendenti di un'impresa situata in Austria. L'imposta sulle imprese in Austria contribuisce a rafforzare l'economia locale e a sostenere i comuni, oltre a consentire il finanziamento di progetti e servizi pubblici.

Imposta sul reddito in Austria

L'imposta sul reddito austriaca copre diversi tipi di reddito, tra cui i redditi da lavoro dipendente, da lavoro autonomo, da capitale e da locazione.

L'aliquota fiscale in Austria varia a seconda del livello di reddito e normalmente è compresa tra lo 0% e il 55%. Esistono anche detrazioni e sgravi fiscali che possono ridurre la tassazione.. 

 

IVA

Le aliquote fiscali più importanti in Austria sono l'aliquota generale del 20% (la cosiddetta "aliquota standard") e le aliquote ridotte del 10% e del 13%.

Le seguenti operazioni sono soggette all'IVA in Austria:

  • Forniture e altri servizi che un imprenditore esegue in Austria nell'ambito della propria attività a fronte di un pagamento
  • Uso proprio in Austria (ritiro o uso privato di beni assegnati all'azienda)
  • Importazione di beni da Paesi terzi in Austria (IVA all'importazione)
  • Dal 1° gennaio 2020, anche le pubblicazioni elettroniche come gli e-book/e-paper (cfr. n. 1339 ss. UStR 2000) e gli audiolibri sono soggetti all'aliquota fiscale ridotta del 10% (Legge di riforma fiscale 2020 (Gazzetta ufficiale federale I n. 103/2019).

L'aliquota d'imposta del 20% in Austria è la regola. Le vendite che prevedono l'applicazione dell'aliquota del 10% o del 13% sono un'eccezione.

Queste sono elencate per esteso nella sezione 10 della legge sull'imposta sul valore aggiunto (UStG). Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito web del Ministero federale delle Finanze austriaco.

L'aliquota del dieci per cento in Austria si applica, ad esempio, a:

  • locazione a scopo abitativo
  • alloggio in soggiorni e camere da letto arredate e i servizi accessori regolarmente associati (compreso il riscaldamento)
  • la locazione (trasferimento d'uso) di terreni per il campeggio
  • il trasporto di passeggeri non in aereo all'interno della Germania (13%)
  • raccolta dei rifiuti
  • la fornitura di libri, giornali, riviste e prodotti alimentari.

L'aliquota del 13% in Austria si applica, ad esempio, a:

  • la fornitura di animali vivi, piante vive, legna da ardere, ecc.
  • Fatturato da attività come l'artista
  • spettacoli cinematografici o circensi
  • biglietti d'ingresso per eventi sportivi

Tassazione di gruppo e accordi sulla doppia imposizione

La tassazione di gruppo aumenta la competitività delle sedi regionali e riduce al minimo i rischi legati all'apertura di nuovi mercati. I profitti e le perdite delle filiali all'estero possono essere cumulati con i profitti e le perdite della società madre austriaca. La condizione è che una società austriaca detenga più del 50% del capitale. 

Al fine di evitare la doppia o multipla imposizione dello stesso reddito in due o più Paesi, l'Austria ha inoltre concluso con numerosi Paesi accordi di doppia imposizione sul modello della Convenzione fiscale dell'OCSE. Tali accordi stabiliscono quale Stato contraente ha il diritto di tassare il rispettivo reddito.

Consigli fiscali

  1. 01

    La legge sulla promozione delle nuove imprese (New Business Support Act) esenta le nuove imprese da alcune tasse e oneri, tra cui le imposte giudiziarie e di bollo, l'imposta sul trasferimento di terreni e alcune imposte sui salari. 

  2. 02

    L'Austria è talvolta più generosa di altri Paesi in materia di detrazioni. Il vostro consulente fiscale può collaborare con voi per chiarire quali spese riducono la base di calcolo del vostro carico fiscale.

  3. 03

    Per semplificare la contabilità delle retribuzioni dei lavoratori internazionali trasferiti in Austria, è possibile richiedere un importo forfettario per le spese pubblicitarie fino a 10.000 euro direttamente nella contabilità delle retribuzioni.

  4. 04

    Il limite di valore per l'ammortamento immediato delle "attività di basso valore" è di 1.000 euro.

  1. 05

    Gli utili fino a 30.000 euro possono usufruire della detrazione del 15%. Se l'utile supera i 30.000 euro, oltre alla detrazione di base è possibile richiedere una detrazione per gli investimenti.

  2. 06

    Le aziende che investono in ricerca e sviluppo possono richiedere il cosiddetto premio per la ricerca: questo ammonta al 14% della spesa totale per la ricerca in un anno finanziario, viene accreditato dall’agenzia delle entrate e va a beneficio anche delle aziende che non registrano un profitto.

  3. 07

    A partire da luglio 2022, il Bonus Famiglia Plus sarà aumentato a 2.000 euro per figlio all'anno e l'assegno aggiuntivo per i figli salirà a 450 euro. Questo sostiene i genitori, sia dipendenti che autonomi, nell'attività lavorativa e rafforza il potere d'acquisto.


L'e-government in Austria

L'e-government promuove le tecnologie informatiche e i servizi digitali nell'amministrazione e nell'interazione tra governo e cittadini.

Tutto ciò che è richiesto è l'accesso a Internet. L'e-government offre ai cittadini un comodo accesso ai servizi e alle informazioni governative attraverso piattaforme online.

Si va dalla richiesta di documenti d'identità alla richiesta online del codice fiscale e alla dichiarazione dei redditi online. Ciò va a vantaggio non solo degli utenti, ma anche del governo. Si risparmiano così i costi, si aumenta l'efficienza e si migliora l'accesso ai clienti grazie alla rapidità di reperimento. La transizione verso l'e-government è in aumento in tutto il mondo e contribuisce alla modernizzazione e alla trasparenza dell'amministrazione.

Il coordinamento della tassazione in Austria

Per non perdere di vista la tassazione in Austria, potete coordinare tutte le vostre questioni fiscali con l'aiuto dei nostri servizi. Contattateci subito, saremo lieti di aiutarvi con la tassazione in Austria e di consigliarvi se volete espandere la vostra azienda in Austria e stabilirvi qui. Potete trovare ulteriori informazioni su questo argomento anche nel nostro blog.

Al menu principale